I’M IRRESISTIBLE! YEAH!

FS_20130811_ZEN

Come affermava Marcel Proust nella Recherche: “Le attrattive della donna che passa sono generalmente in rapporto diretto con la rapidità del passaggio”. Moda, moda e ancora moda, ma purtroppo senza uno straccio di stile. E allora le vedi, a volte, le fedelissime dell’ultima tendenza con addosso, nello stesso momento, pitoni, ghepardi, lucertole, visoni e – perché non osare ancora un po’? – fiocchi, mega-collane e tacchi quattordici. Però tutto di marca eh! Obiettivo? Attirare l’attenzione per sentirsi irresistibili. Sfatiamole queste certezze: qui non si può parlare di bellezza, ma di esagerazione. Capite, non si può fare a meno di restare a bocca aperta davanti a un clown che, appena uscito dal circo, passeggia per la strada. E così, tutti quegli sguardi, accompagnati da fischi da marinaio o da grandi sorrisi possono essere tradotti in un “ma come ti sei vestita?”. Non demordete? Il vostro obiettivo è l’esibizionismo? Allora sappiate che le vostre attrattive durano quanto il vostro passaggio.
Non sarebbe il caso di investire su un’enciclopedia dello zen piuttosto che in vestiti?

Marcel Proust in the Recherche says “ The charms of a passing woman are usually in direct relation to the speed of the passing”. Fashion, fashion and fashion again, but without a shred of style. And then, you can see them, the last trend’s fanatics, wearing pythons, cheetahs, lizards, minks and – why don’t you dare more? – ribbons, big necklaces and 6 inches high heels. But all clothes of the best brands, you know…! The goal? Draw the attention for feeling irresistible. Let’s debunk these certainties: here we aren’t talking of beauty, but about exageration.You see, you can’t avoid to watch a clown that has just gotten out of the circus and is walking in the street. So, all those glances, whistlings of sailor or big smiles mean: “how the hell are you dressed?”. Don’t you give up? Then you have to know that your charms is in direct relation to the speed of your passing.
What about to invest on a zen encyclopedia, rather than in clothes?

Questa voce è stata pubblicata in Fashion Editorials e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>